Devi effettuare una ristrutturazione? ecco tutto quello che c’è da sapere!

Esistono due livelli di ristrutturazioni di una casa in base al tipo di lavori edili che si devono eseguire: le piccole opere di manutenzione ordinaria e straordinaria e le grandi opere che prevedono il rilascio di una concessione edilizia.

Piccole opere ordinarie
Si parla di piccole opere ordinarie quando si eseguono interventi che mantengono sia l’aspetto esterno sia la volumetria e la forma dell’abitazione. In tal caso questo tipo di ristrutturazioni si possono affrontare senza bisogno di una concessione edilizia e quindi senza nessun onere economico. Non si deve presentare alcuna domanda e nemmeno fare una segnalazione.

E’ possibile ristrutturare parti della struttura, della murature e delle coperture, inoltre si possono sostituire le finiture interne, installare nuovi serramenti, realizzare controsoffittature di vario genere, spostare o realizzare nuove pareti nel rispetto i rapporti di aerazione e illuminazione previsti dalla legge.

Rientrano nelle opere ordinarie anche il ripristino di facciate, il rifacimento del tetto, la riparazione e sostituzione di pluviali, la realizzazione di posti auto (esclusa la costruzione di nuovi box) o l’installazione di grate alle finestre.

Opere straordinarie
Si tratta di interventi che riguardano il consolidamento, il rinnovamento e la sostituzione di parti della casa, a volte anche strutturali, come i muri di sostegno, le solette e gli architravi. Occorre presentare un progetto edilizio ed una domanda di autorizzazione.

Grandi opere
Sono interventi che riguardano trasformazioni sostanziali della casa come il suo aspetto esteriore e la dimensione. Tali interventi possono essere realizzati solo con una concessione edilizia ed un versamento di un contributo.

  • Vuoi conoscere i prezzi? Ricevi fino a 4 Preventivi dai migliori professionisti della tua zona.
  • Condizioni d'uso e Privacy policy
Ristrutturare casa: Cosa c’è da sapere 5.00/5 su 1 Voti